€ 500.000,00 PER PROMUOVERE LA CULTURA DIGITALE NELLE MPMI

Chi può presentare domanda?

Micro, Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Frosinone-Latina, di tutti i settori economici.

Chi non può presentare domanda?

I fornitori di beni e servizi di imprese beneficiarie del presente Bando non possono, a loro volta,
essere soggetti beneficiari.

Quali sono i progetti ammissibili?

La promozione di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali: i progetti dovranno riguardare almeno una tecnologia presente nell’elenco 1 con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’Elenco 2, di seguito elencate.
Ai fini del Bando le imprese dovranno avvalersi per i servizi di formazione e consulenza di uno o più fornitori:
– Competence center e Digital Innovation;
– FABLAB;
– Centri di trasferimento tecnologico;
– Start-up innovative;
– Innovation Manager.

Il fornitore è tenuto, al riguardo, a produrre una autocertificazione attestante tale condizione da consegnare all’impresa beneficiaria prima della domanda di voucher.

Quali sono le spese ammissibili?

Sono ammissibili le spese per:
ELENCO 1
A) servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie:
a) robotica avanzata e collaborativa;
b) interfaccia uomo-macchina;
c) manifattura additiva e stampa 3D;
d) prototipazione rapida;
e) internet delle cose e delle macchine;
f) cloud, HPC -High Performance Computing-, fog e quantum computing;
g) soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – Cyber Exposure Index-, vulnerabilità assessment, penetration testing etc);
h) big data e analytics;
i) intelligenza artificiale;

j) blockchain;
k) soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
l) simulazione e sistemi cyberfisici;
m) integrazione verticale e orizzontale
n) soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
o) soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
p) sistemi di e-commerce;
q) soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita.
Tali spese, laddove previste, sono ammesse complessivamente nel limite massimo del 30% dei costi ammissibili.

ELENCO 2
B) acquisto di beni e servizi strumentali, materiali e immateriali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti di cui al punto A:

a) sistemi di pagamento mobile e/o via internet;
b) sistemi fintech – Per Fintech si intende l’applicazione della tecnologia al mondo dei servizi bancari,
finanziari e assicurativi;
c) sistemi EDI, electronic data interchange;
d) Sistemi di geolocalizzazione;
e) tecnologie per l’in-store customer experience – Si fa riferimento alle tecnologie che permettono l’utilizzo
del digitale nel negozio fisico nelle diverse fasi di relazione con il consumatore finale;
f) system integration applicata all’automazione dei processi – Soluzioni informatiche che integrano i vari
sistemi sia nella produzione che nel rapporto con i vari fornitori e clienti;
g) tecnologie della Next Production Revolution (NPR) – Sono tecnologie che integrano gli strumenti digitali
(dalla stampa 3D ai big data, all’internet delle cose);
h) programmi di digital marketing. N.B.: Le spese relative alla
realizzazione di campagne advertising (ad es. sui social network, sui motori di ricerca, su piattaforme di
terzi) non sono ammissibili;
i) soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica;
j) connettività a banda ultralarga;
k) sistemi per lo smart working e il telelavoro – Piattaforme telematiche business per videoconferenze, meeting, sistemi di rilevazione delle presenze, di pianificazione delle attività, gestione orari.

Spese non ammissibili

a) Trasporto, vitto e alloggio;
b) servizi di consulenza specialistica relativi alle ordinarie attività amministrative aziendali o
commerciali, quali, a titolo esemplificativo, i servizi di consulenza in materia fiscale,
contabile, legale;
c) servizi per l’acquisizione di certificazioni (es. ISO, EMAS, ecc.);
d) servizi di supporto e assistenza per adeguamenti a norme di legge;
e) sono, altresì, escluse le spese che, per il loro palese carattere di marginalità o
voluttarietà, siano da ritenersi di scarsa o nessuna utilità ai fini dell’investimento nelle
tecnologie abilitanti di cui all’art.2 del presente Bando (a titolo di mero esempio: cavi, hd
esterni, penne usb, custodie, etc);
f) servizi di hosting e dominio;
g) con importo inferiore a € 3.000,00.

A quanto ammonta il contributo ottenibile?

Il contributo è sotto forma di fondo perduto fino al 70% delle spese ammissibili, il voucher ha un importo unitario massimo di € 10.000,00.
Alle imprese in possesso del rating di legalità 2 verrà riconosciuta una premialità di euro 200,00 nel limite del 100% delle spese ammissibili.
La dotazione finanziaria ammonta a € 500.000,00.

Quando è possibile presentare domanda?

Dalle ore 12:00 del 9 gennaio 2024 alle ore 21:00 del 22 marzo 2024, in modalità telematica, con firma digitale.
La procedura valutativa è a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda.

Come avviene l’erogazione del contributo?

L’erogazione del voucher avverrà solo dopo l’invio della rendicontazione.