BENEFICIARI

Questa agevolazione è rivolta alle Piccole, Medie e Grandi Imprese italiane che operano nei vari settori produttivi, in un’ottica di sviluppo tipico del piano Industria 4.0.

ENTITA’ DEL CREDITO D’ IMPOSTA

Per il 2020 il credito per le attività di Ricerca e Sviluppo cambia pelle: non viene più  calcolato sulla spesa incrementale, ma sul valore assoluto della spesa, cambiano le aliquote e l’incentivo si estende alle attività legate a innovazione e design. Inoltre è prevista una maggiorazione per attività di innovazione legate a Industria 4.0 e progetti Green. Queste le aliquote:

  • Ricerca e sviluppo: il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 12%, nel limite massimo di 3 milioni di euro per periodo d’imposta.
  • Design e ideazione estetica: il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 6% nel limite massimo di 1,5 milioni di euro per periodo d’imposta.
  • Innovazione tecnologica: il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 6%, nel limite massimo di 1,5 milioni di euro per periodo d’imposta.
  • Maggiorazione dell’aliquota del credito d’imposta dal 6% al 10% per le attività di innovazione tecnologica che puntano a realizzare processi o prodotti con finalità di innovazione digitale 4.0 oppure ecologiche. Il tetto fissato per questo ulteriore punto del credito d’imposta è di 1,5 milioni di euro.

MODALITA’ DI FRUIZIONE

Il nuovo credito d’imposta sarà fruibile attraverso compensazione in tre quote annuali di pari importo, a partire dal periodo di imposta successivo a quello di maturazione. Inoltre, l’effettivo “sostenimento delle spese ammissibili e la corrispondenza delle stesse alla documentazione contabile predisposta dall’impresa devono risultare da apposita certificazione rilasciata dal soggetto incaricato della revisione legale dei conti”.

Viene inoltre accolta la richiesta di Confindustria di permettere alle imprese di usufruire del credito d’imposta anche in compensazione dei versamenti per oneri previdenziali e assistenziali.

IDEA IMPRESA Srl, offre un’analisi di prefattibilità gratuita e, su incarico del Cliente, procederà con l’individuazione dei costi ammissibili, la loro certificazione, la rendicontazione e gli altri adempimenti necessari.