La Regione Lazio è pronta a presentare a Bruxelles il documento di programmazione dei fondi europei 2014/2020. A disposizione ci sono 4,1 miliardi di euro tra risorse europee, nazionali e regionali, con cui verranno realizzati 45 progetti.

Gli obiettivi del documento di programmazione dei fondi Ue 2014/2020 destinati al Lazio sono stati illustrati dal governatore Nicola Zingaretti in conferenza stampa:

  • Una grande Regione europea dell’innovazione;
  • Diritto allo studio e alla formazione per lo sviluppo e l’occupazione;
  • Una Regione che cura e protegge;
  • Una Regione sostenibile;
  • Investimenti per un territorio competitivo;
  • Scelte per una società più unita.

Il presidente della Regione ha poi anticipato alcune delle voci di spesa previste:

  • 171 milioni per l’accesso al credito delle imprese,
  • 61,5 milioni per l’internazionalizzazione,
  • 210 milioni per le start-up,
  • 50 milioni per le aree produttive ecologicamente attrezzate,
  • 55 milioni per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti,
  • 37 milioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili,
  • 35 milioni per il marketing territoriale,
  • 18 per il patrimonio audiovisivo,
  • 167 milioni per la banda larga,
  • 293 milioni per la metro C,
  • 117 milioni per la superstrada Civitavecchia-Orte-Terni,
  • 99 per l’acquisto di treni ad alta capacità,
  • 114 per l’acquisto di autobus e tram,
  • 625 milioni per interventi in materia di ambiente e gestione dei rifiuti,
  • 113 milioni per i servizi socio-sanitari,
  • 245 milioni per favorire l’occupazione,
  • 43 milioni per il contrasto all’esclusione sociale,
  • 55 milioni per la creazione di nuovi posti negli asili nido,
  • 60 milioni per i contratti di ricollocazione,
  • 42 milioni per le scuole di alta formazione,
  • 55 milioni per la formazione on demand,
  • 36 milioni per le scuole,
  • 38 milioni per il network Porta Futuro.